Senso di colpa e rabbia: due facce della stessa moneta dell’amore

Quando siamo PICCOLI impariamo un meccanismo di relazione e comunicazione con gli altri, spesso coi nostri genitori, che ci porteremo APPRESSO per TUTTA LA VITA. Almeno fino a quando non lo riconosciamo e decidiamo di metterlo IN DISCUSSIONE.
L’altro dice o fa qualcosa per cui ci sentiamo trattati ingiustamente o criticati aspramente, aggrediti o rimproverati ferocemente, ostacolati nei nostri desideri o trascurati nei nostri bisogni, ingannati o danneggiati, messi in difficoltà o addirittura in ridicolo. Per questo proviamo RABBIA, spesso accompagnata da dolore, tristezza, solitudine, anche paura. La nostra tendenza naturale sarebbe quella di esprimere queste emozioni, in particolare la rabbia, mettendo la persona al proprio posto o mandandola a quel posto o esprimendo chiaramente che non vogliamo più essere trattati in quel modo e vogliamo essere assolutamente rispettati. Solo che siamo bambini, spesso al cospetto dei nostri genitori che rappresentano per noi la fonte della verità oltre che di amore e stima, protezione e guida. Quindi l’esito è alquanto diverso da quello che sarebbe naturale…
Per garantirci vicinanza e protezione, apprezzamento e stima, guida e presenza, finiamo inconsciamente per bloccare le nostre reazioni naturali e sane. Invece di ribellarci al trattamento ingiusto finiamo per sottometterci, restare in silenzio, chiusi in noi stessi, guidati dalla paura della nostra reazione, dalla paura della nostra rabbia che, immaginiamo, potrà ferire le altre persone (a cui vogliamo bene), potrà farle soffrire o arrabbiare e per questo temiamo la ritorsione, temiamo di essere abbandonati, lasciati soli, rifiutati, non più amati né protetti né apprezzati, non più guidati e aiutati a crescere e capire il mondo. Siamo bambini e questo ci dicono la testa e il cuore. E non possiamo permetterci di restare soli e abbandonati. Almeno questa è la grande paura nella mente del bambino.
Quelle volte che abbiamo provato a farci sentire e rispettare siamo stati rimproverati e colpevolizzati, ci siamo SENTITI IN COLPA all’idea di aver fatto soffrire le persone a cui vogliamo bene.
Questo meccanismo, quasi completamente inconscio, ripetuto innumerevoli volte, coi genitori in particolare, ma non solo, finisce per diventare uno scenario che tendiamo a riproporre per tutta la vita, in tutte le relazioni fino all’età adulta. Fino a quando almeno questi schemi diventano fonte di eccessiva sofferenza, portano la persona a sviluppare sintomi e la portano a chiedere un aiuto psicoterapeutico.
In terapia, la persona impara a riconoscere, comprendere l’origine e il significato attuale di questi schemi e a vederli in tutto il loro impatto, generatore di sofferenza emotiva e problemi nelle relazioni. Quindi a mettere in discussione questi automatismi: comincia a sfidarli, comincia ad introdurre qualche novità per verificare se oggi da adulto, che si porta quel bambino dentro, ma che non è più quel bambino spaventato di allora, può agire in modo più salutare e in sintonia coi propri bisogni e desideri autentici. Ad esempio, per comprendere, forse per la prima volta, che ciascuna persona ha il diritto di farsi rispettare, che ciascuna persona è responsabile di quello che pensa, prova e fa e che nessuno è responsabile delle emozioni che prova un’altra persona… Come quel bambino ha creduto per una vita…

La sostanza dei problemi nelle relazioni

Possiamo pensare a quattro fondamentali tipi o categorie di bisogni che muovono le relazioni:
essere ACCUDITO, amato, protetto, ascoltato, compreso, avere qualcuno che si prenda cura di te;
essere APPREZZATO, valorizzato, stimato, per quello che fai, per le tue abilità, per i tuoi traguardi, per le tue scelte;
essere PARTE DI UN LEGAME, di una relazione più o meno vicina e intima, una relazione di coppia, di gruppo, un’amicizia, un legame speciale;
essere SOSTENUTO nei tuoi PROCESSI di AUTONOMIA, esplorazione, iniziativa, creatività, affermazione di te.
Allora tu fai o cerchi di fare qualcosa per ottenere la soddisfazione di un bisogno, la realizzazione di un desiderio, il raggiungimento di uno scopo.
Spesso, purtroppo, a fronte dei tuoi tentativi di raggiungere i tuoi scopi, ricevi delle risposte frustranti, molto lontane da quelle desiderate:
vieni o ti senti ignorato, TRASCURATO, deprivato rispetto alle attenzioni amorevoli che vorresti;
vieni o ti senti criticato, GIUDICATO, colpevolizzato, svalutato rispetto all’apprezzamento che desideri;
vieni o ti senti ESCLUSO, allontanato, emarginato invece che accolto in una relazione o in gruppo che tanto desideri;
vieni o ti senti OSTACOLATO, boicottato, scoraggiato rispetto alle tue iniziative autonome in cui tanto vorresti essere sostenuto o addirittura accompagnato.
Di fronte a queste risposte frustranti, le tue reazioni (emotive, di pensieri e di comportamenti) possono essere le più disparate. Il tuo modo di reagire sarà influenzato dal contesto in cui ti trovi e dall’importanza della relazione per te, oltre che dalle tue caratteristiche di personalità e dalla tua storia di vita che hanno generato la tua “IMPRONTA RELAZIONALE”, il tuo stile o schema tipico di interagire con gli altri. Puoi così reagire con rabbia e aggressività, con tristezza e ritiro, con un doloroso silenzio e una chiusura dei rapporti, con paura ed evitamento, con vergogna e fuga, con senso di colpa e agitazione, con un mix di queste reazioni e in molteplici altri modi che a loro volta saranno l’innesco di un nuovo CICLO INTERPERSONALE in cui a fronte dei tuoi desideri e dei tentativi di realizzarli ricevi risposte frustranti a cui rispondi al solito modo doloroso e “AUTOPERPETUANTE IL CICLO STESSO”. Purtroppo così funziona la ripetizione incessante, quasi del tutto inconsapevole, di relazioni tossiche, disfunzionali, patologiche.
In psicoterapia, si lavora per diventare CONSAPEVOLI di questi schemi che tendono a mantenere la sofferenza relazionale e per cercare di introdurre quei CORRETTIVI a livello di pensiero e azione che possano far “girare” le interazioni in modo reciprocamente vitalizzante.

Quando la ripetizione non giova affatto

Quando riconosci di funzionare in base ad uno schema che si ripete, quando ti rendi conto che nelle tue relazioni tendi a recitare sempre lo stesso copione, quando ti ritrovi spesso nel solito ruolo, ad esempio tendi ad essere spesso, sempre o quasi sempre compiacente, sottomesso, lamentoso, prepotente, vittima, aggressivo, eccessivamente generoso, votato al sacrificio, ecc… Quando ti trovi incastrato in abitudini dannose che vorresti, ma non riesci a cambiare… Allora puoi prendere due strade che ti possono aiutare a comprendere il significato di queste tue modalità ripetitive ed eventualmente a modificare certe tue azioni al fine di stare meglio con te stesso e con gli altri.
1. Puoi chiederti: quando ho imparato a fare quello che faccio in modo ripetitivo e automatico? A cosa mi è servito? A cosa mi serve continuare a ripeterlo oggi nonostante io mi renda conto degli effetti negativi di questa mia ripetitività? Cosa ottengo continuando ad agire in base a questo schema o copione? Ovviamente devi anche risponderti, devi cercare di cogliere il senso di queste tue abitudini disfunzionali, soprattutto nelle relazioni. La consapevolezza che puoi raggiungere può essere enorme ed utile a farti agire con responsabilità cercando un cambiamento.
2. Puoi provare a non farlo…puoi provare a non fare quello che fai o faresti in automatico e vedere cosa succede, dentro di te (cosa provi e pensi) e fuori di te, come reagiscono gli altri e tu a tua volta… Quando sei consapevole che lo stai riproponendo impegnati a bloccarti, a trattenerti, a fermarti, cercando di adottare un altro comportamento… E vedi l’effetto che fa. Anche con questa seconda strategia potrai raggiungere un livello utile di consapevolezza di te e conoscenza del tuo modo di funzionare nelle relazioni. E questo ti potrà aiutare… A continuare a fare quello che hai sempre fatto oppure ad iniziare nuovi modi di agire e pensare.

Debolezza relazionale

Esistono due grandi tipi di debolezze umane nelle relazioni.
È debole chi minaccia, chi ricatta, chi paventa una ritorsione… Una debolezza mascherata da forza apparente. “Se fai così… Allora io farò così…”.
È debole chi subisce la minaccia, chi teme che la previsione diventi pericolo effettivo, chi è vittima dei movimenti altrui. Una debolezza per mancanza di sicurezza in se stessi.

Sono due forme di dipendenza.
Chi minaccia spesso dipende dalla propria pretesa frustrata, di fronte all’altro deludente non ha altri strumenti che minacciare.
Chi è sotto scacco della minaccia dipende dall’altro e teme il suo rifiuto/abbandono, angoscia vissuta se dovesse effettivamente realizzarsi la minaccia.

Pensa alle tue relazioni, famiglia, coppia, lavoro, amicizie, altre relazioni… Ti capita di recitare una di queste parti? Sempre la stessa debolezza? A volte ti ritrovi a minacciare, altre ad essere minacciato? È diverso nei diversi ambiti o sei proprio esperto di almeno uno dei due ruoli?

Come noterai ciascuno di questi due ruoli relazionali è fonte di sofferenza, se non immediata, certamente a lungo andare, creando una relazione intossicata da rancore, risentimenti, frustrazioni e delusioni reciproche.
Per creare buone relazioni, si può uscire da queste modalità malate attraverso una comunicazione autentica, coraggiosa, realmente efficace, prendendosi il rischio di perdere la relazione, ma anche di farla evolvere in modo più maturo e responsabile, realmente fonte di crescita per entrambi.

CONTINUA…

Visto che la vita non è perfetta.. E a volte lo scarto tra reale e ideale è anche molto grande…
Visto che le persone non sono perfette… E nemmeno tu…
Visto che la vita è un “pacchetto completo”… Costi e benefici, soddisfazioni e frustrazioni, gioie e delusioni …
Visto che le relazioni in cui viviamo sono un “pacchetto completo”…
CONTINUA a chiedere per quello che vorresti… Per cercare di ottenere proprio quello che desideri… E inizia a goderne… Anche quando non ottieni proprio tutto ciò che avresti voluto…
CONTINUA ad accogliere anche le frustrazioni e le delusioni… Le perdite e le mancanze… L’imperfezione e anche la tua impotenza, dopo che hai provato diverse strade e modalità e non tutto è andato come avresti voluto …
CONTINUA ad impegnarti a creare la vita che vuoi… Consapevole che la vita è una… E che un po’ ti è capitata e un po’ la stai scegliendo… da una vita…
Consapevole che oggi comunque è il primo giorno del resto della tua vita… E qualcosa ci devi e ci puoi fare…

… Tutto ha un senso, uno scopo, una lezione…

Continua a cercarli…

Continua a crearli…

A A A Cercasi felicità

I problemi che ciascuno di noi vive e che ci portano in terapia, quando la sofferenza è troppo grande e le soluzioni troppo lontane, sono sostanzialmente di tre tipi, legati a desideri e BISOGNI FONDAMENTALI che sentiamo NON APPAGATI.

AMORE. Vogliamo essere amati, protetti, curati, desiderati, sentirci al sicuro dentro relazioni calde, affettuose, stabili, prevedibili, in cui riceviamo l’amore di cui sentiamo bisogno. E ci sentiamo di appartenere, ci sentiamo parte di una coppia, di un gruppo, di una comunità, di un insieme di persone che condividono un sentimento, un interesse, un valore, una direzione, un senso.

AUTOSTIMA. Vogliamo essere apprezzati, stimati, sostenuti nel nostro valore, nelle nostre performance nei diversi ambiti di vita, quando lavoriamo, quando cantiamo, quando facciamo all’amore, quando giochiamo, quando semplicemente siamo quello che siamo.

AUTONOMIA. Vogliamo essere sostenuti nella nostra curiosità, nella nostra creatività, nella realizzazione di imprese in vari ambiti di vita. Vogliamo costruire la nostra vita come più ci sembra adatta a noi, alle nostre inclinazioni e aspirazioni, ai nostri valori e alle nostre potenzialità.

I problemi nascono proprio quando incontriamo la FRUSTRAZIONE COSTANTE e CONTINUA di questi bisogni fondamentali. Quando la realtà non si allinea ai nostri desideri. Quando ci sentiamo TRASCURATI invece che amati, DISPREZZATI invece che apprezzati, OSTACOLATI invece che sostenuti.
Inizia a notare come questo avviene nella tua vita… Quando… Dove… Con chi…
E COSA PROVI in queste circostanze, quali emozioni…
E cosa TI RITROVI A PENSARE, cosa pensi della situazione, dell’altra persona, di te stesso…
E COSA FAI TIPICAMENTE, come cerchi di affrontare queste situazioni in cui senti frustrati alcuni tuoi bisogni importanti e ti senti deluso dall’altra persona…
Iniziando ad osservare come non hai fatto finora… Già inizi a cambiare… A muoverti in modo più consapevole verso la vita che vuoi…

Antidolorifico magnifico. Gioco semiserio per la coppia

Ecco un gioco di coppia, un gioco serio nella misura in cui il lavoro di consapevolezza e conoscenza reciproca vi aiuta a piantare i semi per un futuro felice. Insieme.

Se è vero che è impossibile non essere delusi nelle relazioni, bisogna vedere come utilizzi la delusione.
La delusione è implicita nei rapporti interpersonali in quanto nessuno sarà mai perfettamente corrispondente a come lo vuole il partner. I due devono essere “intelligenti emotivamente” da fare i conti con la delusione reciproca in modo da trarne il massimo beneficio.
Per la consapevolezza e la responsabilità di ognuno dei due partner sono allora fondamentali tre passaggi (ciascuno dei due deve farli):

Comprendi in cosa sei deluso/a dal partner. Qual è lo scarto tra il modello ideale che hai in testa, nel cuore, forse nelle viscere, e la realtà in carne e ossa del tuo partner.

Chiedi al partner cosa vorresti cambiasse per farti sentire soddisfatto/a. E ascolta cosa dovresti cambiare tu per rendere soddisfatto/a il tuo partner.

Decidi in cosa impegnarti per migliorare ed avvicinarti a come ti vorrebbe il partner e a come ti vorresti tu. Verifica quanto sono compatibili i suoi desideri coi tuoi.

Tritate, mescolate, sbattete … E decidete come andare avanti…