Il punto della situazione. Esercizio di automonitoraggio in 5 punti

1. Quanto sei capace di AMARE
2. Quanto sei capace di LAVORARE
3. Quanto sei capace di essere CONSAPEVOLE del tuo mondo interiore
4. Quanto sei capace di EMPATIA
5. Quanto sei capace di stare in contatto con la REALTÀ

Ogni persona che arriva a chiedere un aiuto terapeutico porta i suoi problemi, le sue sofferenze, i suoi conflitti interiori e interpersonali, i suoi bisogni, la sua richiesta d’aiuto specifica. “Vorrei…”, “Mi piacerebbe…”.
Cerco di accogliere queste sue parti e, al tempo stesso, cerco di far emergere, alla sua e alla mia attenzione, le sue risorse, le sue qualità, le sue parti sane, le sue potenzialità.

Il progetto terapeutico è costruito intorno ai problemi e agli strumenti e alle strategie che la persona possiede o può acquisire per trovare soluzioni e compiere scelte in direzione del suo benessere.
Solitamente, all’inizio del percorso, poi periodicamente fino alla conclusione della terapia, faccio una valutazione di alcuni aspetti del funzionamento del paziente. A seconda delle caratteristiche della persona questa valutazione è in parte condivisa col paziente stesso in parte resta un mio criterio di riferimento e di osservazione per capire come il paziente genera la sua infelicità e può generare la sua felicità. Inoltre, sempre in base alle caratteristiche personali, invito il paziente a fare periodicamente una propria autovalutazione o costante monitoraggio di questi 5 aspetti fondamentali che possono essere anche lo spunto, per tutti, per un esercizio periodico di autovalutazione, indipendentemente dal fare o meno un percorso di trattamento psicoterapeutico.
Ecco i 5 aspetti:

La CAPACITÀ di AMARE è la capacità di creare, mantenere e consolidare buone relazioni affettive, in famiglia e nella coppia, con gli amici e al lavoro, in ogni altro ambito in cui puoi costruire buone relazioni nutrienti e stimolanti.

La CAPACITÀ di LAVORARE è la capacità di creare e produrre, di intraprendere dei progetti e di sviluppare iniziative, di portare avanti un’attività lavorativa in modo sufficientemente soddisfacente sia tu un dipendente o un imprenditore, un libero professionista o un artigiano. Lavorare inteso in senso ampio come realizzare, costruire, creare oggetti o inventare situazioni che siano positive, utili, appaganti, fonte di crescita per il singolo e per gruppi o comunità intere. Lavorare come “essere operoso”, fare opere che possono essere godute e apprezzate.

La CAPACITÀ di CONSAPEVOLEZZA del proprio mondo interno è l’abilità o strumento che rende possibili o probabili gli altri, è la capacità di conoscere se stesso per funzionare in modo efficace nella realtà. Conoscere le proprie sensazioni ed emozioni, i propri bisogni e desideri, i propri pensieri e valori, le proprie tendenze all’azione, le proprie abitudini e i propri schemi ricorrenti. Più ti conosci e più puoi agire con consapevolezza e responsabilità per realizzare la vita che vuoi.

La CAPACITÀ di EMPATIA è la capacità di decentramento dal proprio io. La capacità di riconoscere la prospettiva dell’altro come individuo con i nostri stessi diritti, con un suo mondo interno, con una personale posizione soggettiva sulle cose, più o meno vicina alla nostra. Soggettività di pari dignità che possono o meno incontrarsi in modo sereno o conflittuale. Nutrirsi o avvelenarsi reciprocamente.

Ultima, ma non per importanza, la CAPACITÀ di CONTATTO con la REALTÀ ovvero la capacità di farsi guidare dal proprio mondo “interno” (emozioni, bisogni, desideri, valori, pensieri, abitudini, ecc.) mantenendo la consapevolezza che esistono gli altri, l’ambiente, le cose della realtà “esterna” a noi. Il contatto con la realtà resta una capacità e un principio fondamentale di salute e capacità di adattamento, perno che rende possibile creare la propria felicità e anche costruirla insieme agli altri…

INIZIA QUINDI ORA A FARE QUESTA AUTOVALUTAZIONE. Una valutazione di capacità rispetto alle quali puoi sempre migliorare. Una valutazione che può essere numerica, ad esempio da 1 a 10, da poco a tanto o una valutazione che può essere articolata in modo specifico rispetto ai vari aspetti della capacità in questione.
Tieni dunque sempre a mente questi punti per fare il punto della tua situazione…

Quanto sono capace di amare, lavorare, conoscere il mio mondo interiore, conoscere la prospettiva soggettiva dell’altro e stare nella realtà in modo sufficientemente adeguato?

Questa autovalutazione in progress ti facilita UN’AZIONE QUOTIDIANA CONSAPEVOLE e RESPONSABILE, realmente IN LINEA con la PERSONA che vuoi essere… E con la VITA che vuoi creare…

Quando vorresti cambiare ma non ci riesci…

Perché è difficile cambiare? Perché spesso non ottieni i risultati che desideri nonostante i tuoi sforzi e il tuo impegno disciplinato? Perché certe volte sembri boicottare il tuo cambiamento? Perché, in particolare, non riesci ad abbandonare un comportamento disfunzionale negativo che pure vorresti lasciare andare? I motivi possono essere i più svariati e vanno cercati nel tuo funzionamento individuale specifico. Dipende dal tipo di cambiamento, dall’area di vita, dalle risorse, dai conflitti con altri cambiamenti, ecc. Un aspetto fondamentale da considerare è la funzione svolta da quel comportamento all’interno del più generale funzionamento della persona. Più nello specifico, molto spesso non riesci ad interrompere un comportamento problematico (alimentazione disregolata, comportamenti dipendenti, abitudini negative, fumare, bere in eccesso, ecc.) perché in maniera più o meno consapevole quel comportamento ha un valore per te. Un valore protettivo. Spesso quando inizi ad ottenere qualche risultato, quando inizi a smettere di fare qualcosa di negativo o stai iniziando a ridurre certi comportamenti per te fonte di problemi, invece di sentirti meglio, soddisfatto, motivato, incoraggiato, sperimenti uno stato emotivo di paura, di allarme, di minaccia. Quel comportamento che pure razionalmente vuoi abbandonare è un tentativo di soluzione che inconsciamente tu hai trovato, tanto tempo fa, per far fronte a problemi, angosce, traumi, spesso sorti nelle tue relazioni primarie. Quel comportamento, in modo quasi completamente inconsapevole, ti protegge dall’angoscia, dal riemergere dal dolore, dalla paura, dalla vergogna. Quel comportamento è la strategia che tu hai trovato per resistere a fatti e relazioni stressanti e dolorose. Quel comportamento ti offre la rassicurazione che ti è mancata, il conforto di cui hai tanto bisogno, la tranquillità emotiva che non riesci a raggiungere in altro modo. E che da piccolo nessuno ti ha fornito; nessuno ti ha insegnato come fare per regolare la tua emotività. Quindi, intelligentemente, la tua mente e il tuo corpo, prima di abbandonare questa protezione, ti invitano a pensarci bene. Quindi a cercare prima altri modi più sani per proteggerti da quel dolore angoscioso che tende a ripresentarsi. E per soddisfare quei bisogni di protezione, vicinanza, consolazione, conforto, sostegno che sono insoddisfatti dentro di te… E solo quando avrai imparato a fronteggiare quel dolore in altri modi allora il comportamento disfunzionale ma protettivo non avrà più senso e motivo di esistere … e riuscirai ad abbandonarlo…

La sostanza dei problemi nelle relazioni

Possiamo pensare a quattro fondamentali tipi o categorie di bisogni che muovono le relazioni:
essere ACCUDITO, amato, protetto, ascoltato, compreso, avere qualcuno che si prenda cura di te;
essere APPREZZATO, valorizzato, stimato, per quello che fai, per le tue abilità, per i tuoi traguardi, per le tue scelte;
essere PARTE DI UN LEGAME, di una relazione più o meno vicina e intima, una relazione di coppia, di gruppo, un’amicizia, un legame speciale;
essere SOSTENUTO nei tuoi PROCESSI di AUTONOMIA, esplorazione, iniziativa, creatività, affermazione di te.
Allora tu fai o cerchi di fare qualcosa per ottenere la soddisfazione di un bisogno, la realizzazione di un desiderio, il raggiungimento di uno scopo.
Spesso, purtroppo, a fronte dei tuoi tentativi di raggiungere i tuoi scopi, ricevi delle risposte frustranti, molto lontane da quelle desiderate:
vieni o ti senti ignorato, TRASCURATO, deprivato rispetto alle attenzioni amorevoli che vorresti;
vieni o ti senti criticato, GIUDICATO, colpevolizzato, svalutato rispetto all’apprezzamento che desideri;
vieni o ti senti ESCLUSO, allontanato, emarginato invece che accolto in una relazione o in gruppo che tanto desideri;
vieni o ti senti OSTACOLATO, boicottato, scoraggiato rispetto alle tue iniziative autonome in cui tanto vorresti essere sostenuto o addirittura accompagnato.
Di fronte a queste risposte frustranti, le tue reazioni (emotive, di pensieri e di comportamenti) possono essere le più disparate. Il tuo modo di reagire sarà influenzato dal contesto in cui ti trovi e dall’importanza della relazione per te, oltre che dalle tue caratteristiche di personalità e dalla tua storia di vita che hanno generato la tua “IMPRONTA RELAZIONALE”, il tuo stile o schema tipico di interagire con gli altri. Puoi così reagire con rabbia e aggressività, con tristezza e ritiro, con un doloroso silenzio e una chiusura dei rapporti, con paura ed evitamento, con vergogna e fuga, con senso di colpa e agitazione, con un mix di queste reazioni e in molteplici altri modi che a loro volta saranno l’innesco di un nuovo CICLO INTERPERSONALE in cui a fronte dei tuoi desideri e dei tentativi di realizzarli ricevi risposte frustranti a cui rispondi al solito modo doloroso e “AUTOPERPETUANTE IL CICLO STESSO”. Purtroppo così funziona la ripetizione incessante, quasi del tutto inconsapevole, di relazioni tossiche, disfunzionali, patologiche.
In psicoterapia, si lavora per diventare CONSAPEVOLI di questi schemi che tendono a mantenere la sofferenza relazionale e per cercare di introdurre quei CORRETTIVI a livello di pensiero e azione che possano far “girare” le interazioni in modo reciprocamente vitalizzante.

Le fondamenta del benessere o manifesto della scelta consapevole e responsabile

Ecco 10 “banalità fondamentali” per il tuo benessere e per la tua crescita personale. Apparentemente ovvie,
ma che è importante che tu non dia per scontate. 10 principi ispiratori da cui farti guidare nelle tue azioni, nei tuoi pensieri, nelle tue relazioni.

10 strategie o risorse per tracciare la tua via del benessere e che se trascuri possono tramutarsi nelle tue “miserie quotidiane”…

1. Distingui quello che puoi controllare da quello che non puoi controllare ed impiega le tue energie su ciò che veramente è in tuo potere.
2. Cambia tu per cambiare la tua vita, smetti di aspettarti o pretendere che siano gli altri a cambiare. Impara ad accettare che gli altri non stanno al mondo per soddisfare le tue aspettative e come te stanno vivendo la loro vita e combattendo la loro battaglia per la serenità.
3. Smetti di essere giudice spietato di te stesso. Sii consapevole di come confronti continuamente, in modo dannoso, oltre che inutile, chi sei con chi dovresti essere, cosa fai con cosa dovresti fare, fino ad affossare la tua autostima e il tuo amor proprio.
4. Sii consapevole delle missioni impossibili che ti chiedi o che accetti dagli altri. Ciascuno di noi è pieno di risorse e di limiti, è potente, ma non onnipotente, è capace, ma non perfetto.
5. Impara a dire più no agli altri e a dire più sì a te stesso.
6. Impara a chiedere, anche se a volte potresti ricevere un no.
7. Smetti di lamentarti e trasforma la tua insoddisfazione in obiettivi per te importanti verso cui impegnarti con azioni concrete.
8. Impara a comunicare in modo efficace: tu sei responsabile di come presenti agli altri le tue emozioni ed intenzioni, i tuoi pensieri e i tuoi bisogni, i tuoi desideri e le tue richieste.
9. Rifletti il giusto e agisci di conseguenza.
10. Impara a governare il tuo tempo in modo consapevole per diventare effettivamente creatore responsabile della tua qualità di vita.

Conosci altri principi fondamentali di benessere ed evoluzione personale?

Alcuni dei principi su esposti fanno già parte probabilmente del tuo normale o abituale modo di pensare e agire, altri ti sembreranno abilità alla tua portata che puoi imparare a fare tuoi con il giusto sforzo e impegno; altri ti sembreranno idee irrealistiche, quasi impossibili da mettere in pratica, comunque molto molto molto difficili da tradurre in azioni quotidiane, altri sono chiaramente o possono diventare tuoi obiettivi di cambiamento e trasformazione.
Continua allora a rifletterci e a sentirli dentro di te, quelli già attivi come risorse e competenze possedute, altri che proprio li senti lontano da te e che puoi provare ad avvicinare. Inizia anche ad osservare come fanno gli altri, quanto sono capaci di fare quello che tu non riesci ancora a fare e quanto invece sono dietro a te rispetto a certi fondamentali.
Il resto verrà da te…

Mostri e draghi

A volte abbiamo bisogno di affetto, vicinanza e tenerezza e, invece, riceviamo freddezza o distanza o spigolosità. A volte va così…
A volte abbiamo bisogno di essere apprezzati e stimati e, invece, riceviamo critiche e disapprovazione, anche molto dure e severe. A volte va così…
A volte abbiamo bisogno di essere sostenuti e incoraggiati nei nostri progetti e, invece, riceviamo ostacoli o impedimenti. A volte va così…
La vita non sempre soddisfa i nostri bisogni e desideri, una quota di frustrazione e delusione è parte del vivere quotidiano. Dobbiamo metterlo in conto e affrontare questi momenti difficili, imparando a godere dei momenti soddisfacenti e delle cose buone che appartengono alla nostra vita.
Certo è differente se a volte viviamo questi momenti dolorosi o se, invece, gran parte della nostra esperienza quotidiana attuale e della nostra storia di vita è (stata) costellata da eventi drammatici, trascuratezza, violenze, costrizione, impedimenti e traumi ripetuti. In questi casi, la nostra resilienza, la capacità di adattamento e di farcela nonostante tutto, e la nostra capacità di accettazione della realtà sono messe veramente a dura prova. Ognuno cerca di farcela con tutte le risorse a propria disposizione, personali e relazionali.
A volte, invece, succede che tutto questo, prima o piuttosto che stare nella realtà, sta nella nostra testa (che genera la nostra percezione della realtà) e tendiamo a percepire dappertutto esperienze dolorose, angosciose, traumatiche.
Molto lavoro terapeutico si svolge su questi schemi interni che ci portano a percepire mostri dappertutto, siano trascuranti o sprezzanti oppure ostacolanti, e a sentirci sempre in lotta, sempre sul punto di soccombere e morire di fronte a qualcuno o qualcosa più grande di noi.
Il lavoro trasformativo lavora allora su due grandi obiettivi.
Primo. Rendere la percezione della realtà più flessibile e funzionale, imparando ad affrontare i draghi reali.
Secondo. Ri-costruire un’immagine di sé più forte, capace, autonoma, in grado di farcela anche in mezzo alla tempesta.

La “SVOLTINA”

La trasformazione personale è quasi mai frutto di grandi svolte, improvvisi cambiamenti, repentini viraggi. Parliamo di eventi eccezionali che possono capitare nella nostra vita e forniscono la grande svolta. Colpi di fortuna o di fulmine rispetto a qualche nostra passione o idea che ci cambiano la vita dall’oggi al domani. Pensa a quante volte è successo nella tua vita… Pensa a cosa ha veramente favorito cambiamenti importanti nella tua vita…
In realtà, oltre questa illusione, la regola, oltre l’eccezione, è che il cambiamento è frutto di azioni, abitudini, costanza, impegno, ripetizioni. Consapevolezza e responsabilità, step by step, che generano “progressivamente” quel “salto di qualità” nella tua vita.
Sempre consapevole di cosa puoi controllare e indirizzare direttamente, cosa puoi invece solo influenzare e cosa purtroppo ti arriva come decisioni prese da altri e che tu puoi solo accettare, più o meno con tranquillità e serenità …
Saprai certamente che la maratona inizia con un primo passo… La grande svolta emerge da tante piccole svolte che tu hai deciso di prendere in uno o più ambiti della tua vita.
Quando hai deciso di introdurre, gradualmente, quanto inesorabilmente, nella tua quotidianità o almeno nella tua settimana, l’attività fisica regolare, costruita addosso alle tue esigenze: ginnastica, camminata, corsetta, piscina, palestra, quello più adatto a te, a come sei, a cosa preferisci, a cosa ti permette di creare il giusto mix tra piacere e sforzo, tra scelte e rinunce, tra impegno costante e passione crescente.
Quando hai deciso di cambiare alimentazione, cominciando piano piano a togliere certi alimenti per introdurne altri, fino a cambiare lo stile e le regole della tua nutrizione, del corpo e quindi anche della mente. L’importante è la regola e l’equilibrio, comunque ciò che senti veramente adatto alle tue esigenze e alle tue preferenze, dentro i tuoi valori consapevoli di salute e benessere.
Quando hai deciso nuove regole di un equilibrio per te giusto e sano tra lavoro e tempo libero, tra impegni pesanti a cui è improbabile dire no, esempio andare a lavoro, e impegni leggeri che puoi scegliere più liberamente e che disegnano la qualità del tuo tempo.
Quando, sul posto di lavoro, hai deciso di cominciare a cambiare qualche tuo comportamento o abitudine o atteggiamenti, per cambiare direzione alla qualità della tua vita lavorativa.
Quando hai deciso chi frequentare e chi no, consapevole che, progressivamente quanto inesorabilmente, noi diventiamo la media delle persone che frequentiamo. Quando hai deciso cosa accettare e cosa rifiutare nelle relazioni più importanti della tua vita. Quando decidi ogni volta cosa dire e cosa non dire, cosa fare e cosa non fare, nell’idea più o meno consapevole, che quella relazione la stai costruendo tu al 50 per cento.
Quando hai deciso di leggere invece che guardare la TV, di guardare i social o guardare negli occhi una persona, di andare da uno specialista o farti seguire da Google.
Quali altre decisioni ti vengono in mente attraverso cui tu, di fatto, decidi la qualità del tuo tempo, minuto per minuto, e la qualità della tua vita a breve, medio e lungo termine?
E cosa puoi decidere di nuovo?

Esistono infiniti modi per stare al mondo

Il “bambino ferito” è una metafora per significare come ci portiamo appresso i dolori e i traumi dell’infanzia. Ma non è solo una metafora perché la ferita esiste veramente, nel corpo e nella mente, sotto forma di dolori fisici che ci portiamo “addosso impressi nel corpo” e dolori psicologici che tendiamo a “rivivere” in diverse situazioni della vita attuale.

La ferita esprime una verità. Ma non una verità vera, semplicemente una verità in cui crediamo. Perché così abbiamo imparato a credere da bambini. Quello che è accaduto quando eravamo piccoli lo abbiamo interpretato con la nostra “rudimentale mente infantile” che ci ha portato a sviluppare idee, credenze, convinzioni, rappresentazioni della realtà che in qualche modo ne sono un’espressione distorta o perlomeno limitata o parziale. Comunque, questa mappa della realtà, in buona parte inconsapevole, ha cominciato a guidarci da allora e fino ad oggi quando ancora continuiamo a credere, ad esempio:

  • di essere colpevoli della separazione dei nostri genitori
  • di non aver aiutato mamma abbastanza a tirarsi su dalla sua depressione
  • se papà mi ha sempre picchiato è perché io sono cattivo
  • c’è qualcosa in me che non va
  • solo se ti fai vedere forte le persone ti rispettano
  • prima o poi gli altri scopriranno che non valgo veramente come persona
  • la felicità dei miei genitori dipende da me
  • solo accontentando gli altri puoi trovarti bene
  • nella vita i maschi hanno un posto e le femmine hanno un altro posto, così sono sempre state le cose e non ci si può fare niente
  • sono troppo debole per essere stimato dagli altri
  • solo io posso “salvare” mamma
  • per essere apprezzato devi mascherare quello che provi
  • prima o poi fallirò come tutti i maschi di famiglia
  • alla fine resterò solo e abbandonato a me stesso
  • se mi comporto bene mi vorranno bene
  • merito di essere trattato in modo speciale
  • merito di essere escluso e allontanato dagli altri
  • da solo non ce la farò mai
  • solo chi è perfetto, impeccabile e senza macchia merita di andare avanti
  • non ho la stoffa per avere successo
  • nessuno mi vorrebbe bene se dicessi veramente quello che penso
  • nella vita prima o poi le persone ti fregano
  • la solitudine è l’unica compagna della mia vita

Questi sono solo alcuni esempi delle “infinite possibili credenze” che possono far parte della vita delle persone per come sono cresciute e per quello che hanno imparato a credere vero e a convincersi nel corso degli anni. Anche tu avrai sicuramente le tue convinzioni su te stesso, sugli altri, sulle relazioni, sulla vita, sul mondo, ecc.. Idee, convinzioni e rappresentazioni della realtà, di cui puoi essere più o meno consapevole, ma che sicuramente guidano dall’interno il tuo modo di pensare, sentire, agire, incontrare gli altri, vivere la vita.

Fino a quando questa guida interiore è funzionale ed efficace e ti permette di soddisfare i tuoi bisogni, di realizzare i tuoi sogni e di vivere la vita felice che vuoi, come tu la intendi, allora puoi anche evitare di diventarne consapevole. Quando questo mondo interno ti crea più problemi di quanti te ne risolva ovvero ti guida verso esperienze di frustrazione, stress, dolore, angoscia che non riesci a superare, allora è bene fare una visitina a questa ferita interiore, cominciando ad esplorare la tua sofferenza, il tuo stile di vita, il tuo modo di pensare, il tuo modo di stare con gli altri, il tuo modo di gestire le emozioni, ecc..

Ti suggerisco allora una breve traccia o mappa per orientarti in questo territorio finora abbastanza sconosciuto. È un esercizio che puoi fare da solo o aiutato da qualcuno o eventualmente in psicoterapia:

  • individua cosa ti fa soffrire e provare emozioni di dolore, rabbia, paura, tristezza, senso di colpa, vergogna, invidia, gelosia, esclusione e/o qualsiasi altra emozione per te negativa
  • individua come tu stai agendo e reagendo a questa situazione
  • individua quali sono le convinzioni che accompagnano quello che senti e quello che fai (gli esempi sopra riportati ti possono aiutare a cogliere le tue convinzioni profonde, anche se sono solo alcune possibilità che possono o meno riguardare il tuo vissuto). Fatti guidare dal ragionamento e anche dall’intuito. Le convinzioni che troverai puoi sempre cambiarle, modificarle e sostituirle con altre che nel corso della tua esplorazione potranno emergere come “più vere per te”.
  • di fronte ad ogni convinzione trovata chiediti se effettivamente è “proprio vera” o se semplicemente è qualcosa che da tanto tempo “hai imparato a credere vera per te”.
  • cerca di rintracciare comunque quando è nata questa convinzione, quando ricordi di aver creduto per la prima volta a questa verità, cosa o chi te l’ha insegnata, da quali esperienze deriva
  • individua “un’altra credenza possibile” che se fosse vera potrebbe aiutarti ad affrontare meglio la situazione iniziale fonte di sofferenza. Può essere una credenza che per te è vera e che potrebbe guidare il tuo pensiero e il tuo comportamento in modo più sano e utile
  • quando cominci a credere ad un’altra possibile rappresentazione della “realtà attuale” e anche di “come sono andate le cose in passato”, puoi cominciare a sentirti diversamente, a pensare diversamente e ad agire in modo più benevolo con te stesso oltre che più efficace rispetto alla soddisfazione dei tuoi bisogni
  • inizia dunque a testare nella realtà queste nuove convinzioni, comincia ad agire come se la nuova verità in cui credi fosse proprio vera… E vedi cosa succede, come reagiscono gli altri, come reagisci tu…

Per concludere (ma anche “per ricominciare”) possiamo “rivisitare” gli esempi forniti in precedenza, come nuove possibilità “vere se cominci a crederci”:

  • un bambino non può essere colpevole della separazione dei genitori
  • un bambino non deve prendersi cura della sofferenza della mamma
  • un padre che picchia un figlio non riesce a trovare altri modi per educarlo
  • posso aver sbagliato o avere i miei limiti, come tutti, ma non sono sbagliato come persona
  • posso sentirmi rispettato anche se non sono sempre e comunque forte
  • sono una persona amabile e di valore che, come tutti, può più o meno piacere agli altri, può essere simpatico ad alcuni e non ad altri
  • nessuno è responsabile diretto della felicità di altri, tanto meno un bambino può farsi carico della felicità dei propri genitori
  • puoi avere buone relazioni anche se hai un tuo modo di pensare e agire che non sempre è in linea con le idee e col volere altrui
  • nella vita i maschi hanno un posto e le femmine hanno un altro posto, questo può essere “bello”, ma se crea problemi nei rapporti interpersonali può essere cambiato
  • posso essere stimato dagli altri, anche quando sono debole
  • nessuno salva nessuno, tantomeno un bambino può sentirsi “caricato del peso indebito” di “salvare” un genitore
  • puoi essere autentico e spontaneo nell’espressione dei tuoi pensieri e sentimenti ed essere apprezzato anche da chi ha una visione diversa dalla tua
  • nessun destino è scritto sulla pietra: il mio successo o fallimento dipende da tanti fattori, in primis dalla mia capacità di farmi carico del mio successo e del mio fallimento
  • potrò sempre trovare qualcuno con cui stabilire una relazione soddisfacente; potrò anche essere solo eppure vivere tranquillo
  • le persone possono volermi bene anche se a volte le deludo
  • io sono unico, irripetibile e di valore, come tutti gli altri
  • posso creare e mantenere relazioni soddisfacenti
  • in certi casi posso farcela da solo, in altri posso chiedere aiuto
  • il valore come persona è indipendente dal “successo” e il successo è diverso da persona a persona
  • posso ottenere risultati soddisfacenti negli ambiti di vita che mi interessano
  • posso esprimermi autenticamente ed essere amato
  • nella vita incontri persone che ti fregano e persone affidabili e oneste
  • accanto a momenti di gioia e condivisione vivo e ho vissuto anche momenti di grande solitudine.

Se cominci a credere a queste possibilità ovvero se cominci a farti guidare da certe credenze invece che da altre, anche il tuo comportamento e le tue relazioni potranno cambiare in una direzione più positiva, fonte di benessere e realizzazione personale.