Ripartire dalla grandine

Ripartire dai danni fatti dalla grandine a volte o quasi sempre è l’unica cosa che possiamo fare.
Ormai è successo. È passato. È andata così. Da ciò che c’è ora possiamo ripartire.
La grandine potrebbe essere una malattia, un fallimento in qualche area della nostra vita, una separazione affettiva, qualsiasi altra esperienza che ha fatto danni nel nostro cuore, nella nostra mente, nel nostro corpo.
Dai danni emotivi e materiali possiamo ripartire attraverso un sano processo di lutto, attraversando diverse fasi:
– riconoscimento della realtà dolorosa e frustrante (perdita, danni, vuoto, mancanza, ecc.)
– espressione adeguata delle emozioni di dolore, rabbia, tristezza, paura, senso di colpa, vergogna, angoscia, solitudine, disperazione, ecc.
– ricerca di vicinanza e sostegno per i nostri bisogni di cura del dolore
– accettare che qualcosa o qualcuno non c’è più
– accettare ciò che avremmo voluto ci fosse ma non c’è mai stato
– imparare dai nostri errori per prevenire situazioni simili in futuro
– ripartire da ciò che è rimasto, da ciò che c’è, dalle nostre qualità e risorse nonostante il necessario ridimensionamento che potremmo dover accettare rispetto a certi nostri sogni e progetti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...