Il bambino padre dell’adulto. Esercizio per essere protagonista del proprio cambiamento

Pensa alla tua vita… alla tua storia di vita… a diversi periodi della tua vita… in particolare presta attenzione alle tue relazioni interpersonali e affettive … e completa queste frasi, anche più volte ciascuna se vuoi:

  • Credo di aver avuto sempre problemi di …
  • Credo di aver avuto sempre paura di …
  • Ho sempre creduto che gli altri fossero …
  • Ho sempre creduto di me che …
  • Il tema dominante e ripetitivo della mia vita è …
  • Se dovessi dare un nome alla storia della mia vita potrei chiamarla …
  • Se dovessi esprimere la mia storia personale attraverso un motto o un aforisma …
  • Qual è la verità fondamentale e fondante della mia vita e di me stesso …

Completando queste frasi avrai potuto trovare informazioni sulla tua “ferita”, sul “bambino ferito” che sei stato e sul “bambino sofferente” che ti porti ancora dentro e che, dall’interno, “guida” il comportamento e l’esperienza dell’adulto che sei oggi.

La nostra ferita esprime la nostra “sensibilità emotiva e relazionale”, anticamente acquisita nei rapporti primari e continuamente consolidata negli anni attraverso le esperienze di vita con figure emotivamente importanti, figure di autorità, coetanei, gruppi di appartenenza e di identificazione.

Questa personalissima sensibilità orienta il nostro modo soggettivo di percepire le situazioni, interpretare gli eventi, creare significati, considerare se stessi e gli altri, vivere i rapporti affettivi e le relazioni. Quando questa sensibilità è troppo “rigida” ci impedisce di creare e mantenere buone relazioni perché tendiamo, inconsapevolmente, ad incasellare gli altri e noi stessi dentro “le solite etichette negative” che non ci consentono di vivere gli eventi in modo sereno ed equilibrato. Ad esempio, consideriamo e viviamo gli altrisempre” pericolosi, giudicanti, imprevedibili, inaffidabili, malevoli, sprezzanti, ingannevoli, da sottomettere, da manipolare, ingrati, ecc.. E noi stessi “sempre” fragili, inadeguati, fregati, traditi, ingannati, superiori, speciali, colpevoli, sottomessi, incapaci, ecc..

Quando il “bambino ferito” arriva in terapia nella veste di “adulto con i suoi stati di stress e sofferenza”, può cominciare per la persona una nuova fase del rapporto con questo bambino, con il dolore che si porta appresso dall’infanzia. Comincia la cura della ferita.

La psicoterapia e il percorso di crescita personale in essa implicito richiedono un accesso al dolore per trasformarlo in liberazione e recupero delle potenzialità di felicità originariamente negate, represse, inibite.

Dopo tanto lavoro su se stessi, e periodicamente allora, si possono completare le frasi suesposte e verificare l’emergere di nuove consapevolezze. Le iniziali sensazioni, indefinite, nebulose, oscure, diventano consapevolezza più chiara e precisa di sé, dei rapporti con gli altri, della propria storia di vita, del proprio destino “segnato” dalle vicende infantili e “creato” continuamente in progress negli anni dalle proprie scelte, dai propri schemi, dalla personale sofferenza e dalla consapevolezza maturata che aiuta a cambiare.

Se il bambino è il padre dell’adulto… L’adulto può essere nuovo genitore di se stesso… Un se stesso diverso, progressivamente più libero dalle trappole infantili e più consapevole e responsabile di scelte attuali diverse dal passato, che non ripetono la ferita e sono maggiormente in linea con i propri bisogni, desideri, aspirazioni e valori autentici e vitali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...