Mille lacrime. Per superare quel dolore che tende a tornare

Ecco una traccia per un lavoro con la propria ferita, traccia da seguire quando ti senti di trasformare il tuo dolore e liberarti della tua sofferenza. Quando ti senti di tirare fuori l’ultima lacrima delle mille che ogni dolore profondo porta con sé …

Questa traccia percorre un ponte tra le situazioni che ti fanno soffrire oggi e quelle originarie di sofferenza in cui hai imparato ad essere sensibile a certi fatti ed esperienze.

Individua una esperienza dolorosa del passato, più o meno remoto, infantile, ma non necessariamente, di cui puoi avere un ricordo nitido (come fosse ieri) o più vago (la nostra memoria a volte riesce a proteggerci dal dolore con l’oblio). Può essere un’esperienza singola, un episodio specifico o piuttosto una serie di esperienze ripetute che si assomigliano. Ad esempio, può essere una perdita di una persona cara (per morte o separazione) o può essere il ricordo di come i genitori ti educavano e/o ti facevano rispettare le regole e/o ti punivano. Può essere un episodio in cui ti sei sentito umiliato, ad esempio un’esperienza di bullismo, o una serie di esperienze simili tra loro che hai vissuto come fallimenti, autosvalutazioni, senso di inadeguatezza, impotenza, paura, rabbia.

Individua quando, ancora oggi, ti capita di sentirti così, come ti sei sentito a quel tempo. Possono essere circostanze attuali, nei più svariati ambiti della tua vita, al lavoro e in famiglia, con gli amici o in esperienze solitarie, in cui torni a sperimentare quello che hai vissuto allora: senti qualcosa di simile a ciò che vivesti allora, pensi come pensasti, agisci come facesti all’epoca o tendevi a fare in quelle occasioni “dolorose” o “traumatiche”. Ad esempio, ogni circostanza attuale in cui una persona importante “si allontana da te”, tu tendi a vivere “un’angoscia di abbandono” simile a quando in passato vivesti “quella” perdita significativa. Ogni episodio di aggressività o sopraffazione attuale, che ti riguardi direttamente o meno, ti riporta comunque allo stesso “vissuto angosciante” di quando tua madre ti “rimproverava” severamente o tuo padre ti “umiliava” picchiandoti.

Nota quello che successe o spesso succedeva allora, che ha creato la tua sensibilità a certi temi ed eventi: perdita, separazione, abbandono, violenza, sopraffazione, giudizio, critica, fallimento, esclusione, isolamento, ecc. … Nota “chi” faceva “cosa”; cosa facevi tu, cosa provavi, cosa pensavi, di cosa avevi bisogno …

Nota quello che succede oggi, i fatti reali e come tendi a viverli ripresentando a te stesso il vissuto della vecchia ferita. Nota “chi” fa “cosa”; cosa fai tu, cosa provi, cosa pensi, di cosa hai bisogno …

Nota quali bisogni avevi allora e cosa hai fatto per tentare di soddisfarli… cosa hai fatto per rassicurarti dalla paura… per proteggerti dal pericolo… per consolarti dalla solitudine… per lenire il tuo dolore … per contenere la tua angoscia… per governare la tua rabbia …

Nota quali bisogni hai ora e cosa puoi fare per soddisfarli … per affrontare la situazione “da una posizione adulta” … per esprimere i tuoi pensieri e le tue emozioni in modo utile…

Per quanto la tua sensibilità attuale “assomigli” molto a quello che hai vissuto e hai imparato a vivere in passato, tu oggi sei un adulto, “diverso” dal bambino ferito che ti porti dentro, un adulto con maggiore consapevolezza di sé ed esperienza del mondo, con la possibilità di attribuire significati diversi alle cose che accadono, con la capacità quindi di vivere certe esperienze in modo emotivamente meno drammatico, doloroso o traumatico, con maggiori risorse personali e strategie per fronteggiare il ripresentarsi di certi scenari dolorosi, che oggi comunque possono risultare per te più sostenibili e affrontabili…

Oltre il dolore persistente che tende a ripresentarsi…

Verso un nuovo sé capace di “attraversarlo” senza farsi distruggere!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...