Come sviluppare abitudini sane

Oggi ti suggerisco un’attività di monitoraggio o training di consapevolezza (e azione) attraverso il diario.

È un impegno che prendi con te stesso. Richiede la tua massima attenzione per una tua grande soddisfazione. Puoi farlo ogni volta che vuoi, una o più volte al giorno. Più ci metti e più ci trovi. Ecco la traccia.

Quando sei sotto stress il tuo bisogno è di… ridurre lo stress. Utilizzi allora alcune modalità o soluzioni. Alcune sane, altre patologiche. È utile quindi capire bene cosa sta succedendo nella tua vita. Ti può aiutare un diario per l’automonitoraggio ovvero per l’osservazione di alcuni aspetti della tua quotidianità. Nota e annota vari elementi.

  • Di cosa è fatto il tuo stress. Cosa ti procura stress. Registra situazioni, comportamenti, pensieri, emozioni che vivi quando ti senti stressato. Cosa succede, quali sono gli eventi, dove, quando, con chi, perché.
  • Cosa dovrebbe succedere o vorresti che succedesse affinché tu possa sentirti meno stressato. Fatti guidare sempre dalle domande base: cosa, chi, dove, quando, come e perché.
  • Quali sono i tuoi bisogni in quella situazione stressante come da te definita e vissuta.
  • Quali modalità utilizzi per combattere, ridurre, eliminare il tuo stress.
  • Quali sono, secondo te, modalità sane oltre che utili.
  • Quali sono, secondo te, modalità patologiche anche se (forse) utili.
  • Descrivi la situazione da una prospettiva di vantaggio e svantaggio a breve termine: cosa di positivo e negativo ottieni nell’immediato dal mettere in atto certe modalità.
  • Immagina la situazione da una prospettiva di vantaggio e svantaggio a lungo termine: cosa di positivo e negativo succederà nei prossimi giorni, mesi e anni se metterai in atto certe modalità o continuando a mettere in atto certe modalità.
  • Individua il piacere che provi e il dolore che eviti a breve termine facendo quello che fai.
  • Individua il piacere che provi e il dolore che eviti a lungo termine facendo quello che fai.
  • Cosa fa scattare la modalità patologica o abitudine insana o improduttiva: quale situazione, cosa provi e cosa pensi in quella situazione, cosa vedi e cosa immagini, cosa percepisci e cosa senti nel corpo. Annota tutti i segnali di innesco dell’abitudine problematica.
  • Individua cosa potrebbe far scattare, invece, una modalità sana: quali pensieri, quali bisogni, quindi quali segnali.
  • Trova il modo per circondarti di segnali che innescano le modalità sane per soddisfare i tuoi bisogni.
  • Verifica l’effetto e ricomincia il ciclo fino ad affiancare le modalità sane a quelle patologiche in modo da avere più opzioni disponibili per soddisfare il tuo bisogno.

One thought on “Come sviluppare abitudini sane”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...