Strategia per abbandonare un’abitudine improduttiva  

INDIVIDUA UNA TUA ABITUDINE IMPRODUTTIVA.

Pensa ad ogni comportamento “problematico” che sai che ti fa male eppure continui a praticarlo, che vorresti interrompere, ma non ci riesci, che altri ti dicono essere “un eccesso” anche se per te è “sotto controllo”.  Esempi: fumare, bere e mangiare in eccesso; abuso di sostanze in genere; uso eccessivo di internet, smartphone, social media, Play Station e altri dispositivi elettronici; gioco d’azzardo nelle sue svariate forme, on line e off line; shopping compulsivo, on line e off line; altre dipendenze e comportamenti “abbatti tensione” come mangiarti le unghie; difficoltà a sbarazzarti di oggetti oltre ogni ragionevole attaccamento fino all’accumulo fuori misura; espressione distorta delle emozioni: dalla repressione massiccia ai comportamenti aggressivi e violenti; lavoro compulsivo (dipendenza da lavoro o workaholism).

Se non riesci ad individuare un’abitudine improduttiva su cui vuoi focalizzarti, prenditi una o due settimane per osservare nella quotidianità piccoli grandi comportamenti che secondo te rappresentano una tua abitudine improduttiva, negativa, fonte di sofferenza o problemi di qualche tipo.

INDIVIDUA LA SITUAZIONE CHE FA SCATTARE L’ABITUDINE.

Nota e annota le condizioni ambientali (luoghi, situazioni, persone, comportamenti, scambi interpersonali) e condizioni mentali (pensieri, stati d’animo, umore, emozioni, fantasie) che favoriscono l’attivazione della tua abitudine improduttiva. Nota cosa è successo prima che scattasse il comportamento problematico. Chi era coinvolto. Dove. Quando. Ecc..

INDIVIDUA IL BISOGNO CHE SODDISFA.

L’abitudine ti crea problemi ma evidentemente ti dà anche qualcosa. Ad esempio:

  • Non riuscire a dire no ti crea problemi ma ti permette anche di …
  • Non esprimere i tuoi pensieri e le tue emozioni ti crea problemi ma ti permette anche di …
  • Stare ritirato e chiuso ai rapporti interpersonali ti crea problemi ma ti permette anche di …
  • Stare continuamente sui social ti crea problemi ma ti permette anche di …
  • … … …

Per ogni problema individuato e abitudine problematica individuata completa le due frasi:

Mi crea problemi quali …

Ma mi permette anche di … sentirmi amato, migliorare la mia autostima, sentirmi protetto, essere apprezzato e approvato, sentirmi desiderato, non restare solo, eliminare lo stress, trovare sollievo dalla tensione emotiva, recuperare un senso di controllo, regolare l’emotività, sentirmi forte, non pensare a niente, rilassarmi, ecc..

A cosa ti serve, come ti fa sentire, per cosa lo usi, in che modo ti permette di affrontare la tua sofferenza interiore, la tua tensione emotiva, ecc.. Dai molte risposte a questa domanda, senza censura alcuna, così come ti vengono spontaneamente.

Il bisogno è legittimo, il mezzo è sbagliato!!!

INDIVIDUA IN CHE MODO QUESTA ABITUDINE TI PROCURA PIACERE.

Ti fa stare bene e tu continui a portarla avanti. Anche se ti fa stare bene è solo una faccia della medaglia perché le conseguenze di questo comportamento sono anche negative, anche se tu non le vedi, non le consideri, tendi a sottovalutarle.

INDIVIDUA IN CHE MODO TI ALLEVIA UN DOLORE.

Ti alleggerisce una tensione emotiva, allevia un’emozione negativa, lenisce un dolore emotivo, riduce la frustrazione, ti permette di modulare il tuo umore, di regolare un tuo stato d’animo, ecc..

INDIVIDUA ALTERNATIVE SANE.

Il bisogno che soddisfa è legittimo, le funzioni che svolge sono importanti, ma devi cambiare la strada per arrivarci. Individua più alternative possibili. Anche qui senza censura alcuna fai emergere spontaneamente tutto ciò che ti passa per la mente. Quindi seleziona le alternative in ordine di importanza o priorità per te, in particolare trovandone una da cui iniziare che sembra per te più praticabile di tutte le altre.

Se finora hai creduto che quell’abitudine fosse l’unica possibilità praticabile a tua disposizione per soddisfare il tuo bisogno e scopo e per sentirti come ti vuoi sentire, oggi puoi cominciare a credere che hai altre possibilità, che esistono alternative di fatto per te realmente ed effettivamente praticabili. Se ci credi ci riesci. Se ci credi cominci ad agire in quel nuovo modo.

Se qualche voce del tuo dialogo interiore ti porta delle credenze limitanti del tipo “non ce la farai”, “è troppo difficile”, ascolta queste voci interne e mettile da parte. Ascoltale per sfidarle. Ascoltale per contrastarle con altri pensieri e credenze del tipo “anche se è difficile ce la posso fare”. Infatti, è vero che non sarà facile, così come è vero che ce la potrai fare. Non sarà immediato, ma da subito comincerai a vedere dei risultati. Forse non otterrai tutto in modo ideale, ma riuscirai comunque ad ottenere dei risultati. Il cambiamento è spaventoso, è vero potresti confrontarti con paure, ma solo nella paura si cresce, solo affrontando le tue paure potrai diventare la persona che vuoi essere, potrai realizzare le tue potenzialità, magari a volte renderti conto che lo scenario temuto non si verifica o che se si verifica è molto meno disturbante e doloroso di quanto temevi.

COMINCIA A PRATICARE L’ALTERNATIVA SANA PREFERITA.

All’inizio non sarà facile, ci proverai e potresti non riuscire a mantenere il nuovo comportamento. Ci proverai per capire l’effetto che fa: cosa succede dentro te e intorno a te se metti in atto un nuovo comportamento sano al posto di uno problematico; cosa provi, cosa pensi, cosa emerge alla tua consapevolezza; come reagiscono gli altri e come reagisci tu. Puoi fare anche una “misurazione” che ti aiuterà a verificare i tuoi risultati nel tempo: da 0 a 10 (da “nulla” a “moltissimo”) nota e annota quanto riesci a sviluppare quel nuovo comportamento fino a farlo diventare una tua nuova abitudine produttiva, funzionale rispetto a soddisfare quel bisogno, ad ottenere quel piacere, a ridurre quel dolore.

VERIFICA.

Nota:

  • Quanto sei riuscito a praticare questa strategia …
  • Quali risultati hai ottenuto …
  • Cosa hai capito mettendo in pratica questa strategia …
  • Quali ostacoli, resistenze e paure hai incontrato …
  • Cosa ti insegnano questi esiti, sia i positivi sia i negativi …
  • In che modo ti permettono di andare avanti e affinare questa strategia …

3 pensieri riguardo “Strategia per abbandonare un’abitudine improduttiva  ”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...