4 atteggiamenti utili verso i tuoi limiti

4 atteggiamenti utili verso i propri limiti, in ogni ambito di vita. Valgono sia per abilità pratiche sia per abilità interpersonali sia rispetto a “decisioni precoci” prese durante l’infanzia sul modo migliore di stare al mondo sia per quanto riguarda modi di essere e agire che ritieni immodificabili e che da sempre hai avuto tanto desiderio quanto difficoltà a cambiare. Si tratti di apprendere una nuova abilità pratica come suonare uno strumento, costruire un mobiletto o riparare qualcosa di rotto. Si tratti di imparare a comunicare in modo più efficace e farsi rispettare nelle relazioni. Si tratti di superare una paura, qualsiasi essa sia, di viaggiare in aereo, di parlare al capo, di parlare in pubblico, di impegnarsi in una nuova avventura personale, professionale o nelle relazioni… Si tratti, in generale, di imparare a dire ed agire come non hai mai fatto… Ecco come devi porti:
CONOSCI I TUOI LIMITI. Conoscili personalmente, oltre quello hai imparato a credere o ti hanno invitato a credere o da sempre credi come l’unica realtà incontrovertibile dei tuoi limiti. Quello che è sempre stato appartiene al passato. Quello che è al presente lo devi toccare e conoscere dal vivo per esperienza diretta. Quello che sarà lo potrai costruire tu, maggiormente esperto dei tuoi limiti e anche delle tue possibilità.
ONORALI E RISPETTALI. Sono i contorni del tuo modo di essere e agire. Sono i confini della tua identità. Chi sei diventato negli anni e chi sei ora. Ti offrono protezione, senso di sicurezza. Un riconoscerti in te stesso, nella continuità della tua storia di vita che ha un valore in sé semplicemente perché sei una persona unica, irripetibile, integra, degna, piena di valore.
SFIDALI E IMPEGNATI A SUPERARLI. Sempre, comunque, almeno fino a quando va bene per te. Tanto prima o poi ti accorgerai che sei arrivato al capolinea di quel limite. Ma fino a quel momento cerca di andare oltre. Tanto la morte, estrema espressione del limite, sarà lì a ricordartelo che sei arrivato. Nel frattempo vai avanti fino a quando vuoi, te la senti e lo ritieni importante o utile per te. Anche alla morte del resto si può arrivare in tanti modi. Sei impotente rispetto alla fine, ma hai molto potere rispetto a come arrivarci. E così è per ogni limite. Per ogni tua paura che ti blocca, per ogni resistenza al cambiamento che incontri. Per ogni vergogna e senso di essere incapace e inadeguato. Per ogni “vorrei ma non riesco…”, per ogni “so cosa devo fare ma non ce la faccio…”, per ogni “lo voglio ma non me lo merito”, c’è un limite che devi conoscere per esperienza diretta, che devi rispettare e onorare per le informazioni che ti fornisce su di te e la realtà e che devi impegnarti a superare fino a quando ti va e ce la fai.
IL RESTO È ACCETTAZIONE. Accettare quello che è senza combatterlo ulteriormente, senza giudizio su di te, sugli altri e sulla realtà. È lasciare che sia quello che è… È avere pazienza e fiducia… Fino ad essere “testimone distaccato” del tuo essere al mondo… Oltre ogni aspettativa, oltre ogni dover essere, oltre ogni giudizio, oltre ogni meta da raggiungere. Fino ad accogliere, abbracciare, rispettare ed onorare “semplicemente” quello che sei…

And when the night is cloudy…
there is still a light that shines on me…
Shine until tomorrow… let it be…”

“E quando la notte è proprio scura come la notte…
c’è ancora una luce che brilla su di me…
Brilla fino a domani… lascia che sia…”
John Lennon

One thought on “4 atteggiamenti utili verso i tuoi limiti”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...