Le varie facce del giudice interiore

Il giudice interno è una metafora per descrivere in che modo i nostri genitori (e in generale chi è stato importante nella formazione della nostra personalità), dopo averci cresciuto ed educato, albergano ancora dentro di noi sotto forma di “parti interne” (pensieri guida e stati psicosomatici), ad orientarci come hanno fatto i nostri genitori, a dirci cosa è buono e cattivo, giusto e sbagliato, da fare e da non fare.

Il giudice interno, quindi, non è solo una metafora, si è installato nel tempo come una “struttura” interiore che si manifesta attraverso pensieri, emozioni, sensazioni fisiche che viviamo e che determinano da una parte le nostre linee di condotta e dall’altra il nostro benessere o malessere fisico ed emotivo.

Esistono varie “sfaccettature” o forme di questa “struttura interiore” che guida il nostro pensare, il nostro sentire e il nostro agire:

Giudice Interno Normativo Autorevole Performante. Da questa forma arriva il messaggio: “puoi batterti col drago, puoi e devi affrontare la paura, per vivere una vita che sia degna di questo nome, per crescere ed evolvere come persona. La vita è una serie di sfide che tu devi fronteggiare; ce la devi mettere tutta e ce la puoi fare. Cercherai di fare il possibile per vincere, ma potrai anche perdere, fa parte del gioco della vita…”. Questa nostra parte interna, più o meno attiva, a seconda degli ambiti di vita e del momento che stiamo attraversando, sa incitarci e sa apprezzare, sa valorizzare la vittoria e sa anche accogliere la sconfitta come momento di passaggio comunque evolutivo.

Giudice Interno Critico Spietato Severo Persecutorio. Tiranno. Non dà tregua. “Puoi solo vincere. Devi solo vincere, devi stravincere, devi essere il primo, il migliore, sempre e comunque, e non basta comunque, c’è sempre meglio che puoi fare e devi, puoi dare di più. Se non sei il primo allora sei l’ultimo”. Questa forma sa solo disprezzare. “Se non sei perfetto sei un perdente”, tutto o nulla, il primo o nullità.

Giudice Interno Incoraggiante Motivante. Mettiti in gioco.  Ce la farai sicuramente. Supera il tuo limite. Riconoscilo e sfidalo. Ringrazia il tuo limite per quello che ti ha insegnato, anche quando non riesci ad oltrepassarlo. “Rialzati dopo la caduta e impara la lezione”.

Giudice Interno Saggio Lungimirante. “Qualcosa vorrà dire…”. “Ogni accadimento ha un senso… palese e anche misterioso”. Oltre il singolo episodio di “successo” o “fallimento” esiste il senso complessivo. “Forse puoi essere ultimo in qualche ambito, anche importante per te, al tempo stesso, sarai anche sicuramente il primo in qualche altro ambito per te importante”. Oppure “semplicemente” sarà stato importante esserti messo in gioco.  Il saggio ti invita a trattare entrambe le aree allo stesso modo: “valorizza la tua crescita, impegnati a crescere dove sei carente, impegnati a crescere anche dove sei eccellente”. “Al di là delle aree di performance… Sei una persona unica, irripetibile, di valore”.

Riconosci ciascuna di queste parti in azione …

Riconosci ogni parte per come ti guida, ti sostiene o ti blocca, ti aiuta o ti affossa …

Per ciascuna di queste parti, e per ogni altra parte, “buona” o “cattiva” (come direbbe il bambino che le ha interiorizzate), che senti appartenerti:

 – Nota cosa senti nel corpo quando sei sotto la sua lente di ingrandimento e sotto la sua sfera di influenza… Nota le sensazioni fisiche nei vari distretti corporei…

 – E nota ciò che provi emotivamente

 – E individua il tuo bisogno… al cospetto di questa guida interiore, più o meno benevola…

Il tuo bisogno autentico, genuino, vitale può essere da oggi in poi una guida migliore per te …

Senti il tuo bisogno e agisci di conseguenza…

Quando inizi ad agire guidato dal tuo bisogno vitale, essenziale, potranno succedere due cose:

  • Sarai soddisfatto e “pieno” per aver appagato questo tuo bisogno…
  • Avrai incontrato le tue paure e ciò ti fornirà informazioni utili per come andare avanti …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...