Il potere della consapevolezza

Uno dei principi cardine della crescita personale e della psicoterapia che cerco di trasmettere alle persone con cui lavoro è la consapevolezza della chiara distinzione tra cosa puoi controllare e cosa non puoi controllare. Ovvero: smetti di tentare di controllare l’incontrollabile e inizia ad agire su ciò che veramente puoi controllare della tua vita.

Questo vale sia pensando al rapporto con gli altri e con l’ambiente: non puoi cambiare gli altri, l’unica persona da cui puoi pretendere qualcosa sei tu.

È, quindi, questo principio regolatore del comportamento vale anche e primariamente se focalizzi l’attenzione su te stesso.

Quanto puoi controllare i pensieri? Probabilmente molti pensieri puoi conoscerli e governarli e tanti altri no, tanti altri sfuggono alla tua consapevolezza e hanno una loro “vita propria” nell’orientare le emozioni e gli stati d’animo che vivi e i comportamenti che adotti … I pensieri, più o meno profondi e nascosti o accessibili alla tua consapevolezza, rappresentano il modo in cui tu percepisci e vivi la realtà, come consideri te stesso e come consideri gli altri, come governi le relazioni interpersonali e guidi le tue scelte verso la vita che vuoi…

Quanto puoi controllare le tue emozioni? Probabilmente puoi imparare a regolare “parzialmente” i fattori scatenanti le emozioni (pensieri, credenze, convinzioni) e puoi imparare a orientare l’espressione di ciò che provi; ma quando un’emozione arriva … arriva: devi accoglierla e prendertene cura, riconoscerla, darle un senso, farci qualcosa … Ed è fondamentale ciò che fai con la tua emozione. L’emozione è un segnale importante del tuo rapporto con le persone e con l’ambiente e di quanto sei vicino o lontano alla soddisfazione dei tuoi scopi e alla realizzazione dei tuoi valori. L’emozione va accolta invece che negata, va dotata di significato invece che scansata, va espressa in modo funzionale invece che repressa. Altrimenti quell’emozione diventa malattia…

Quanto puoi controllare le tue azioni? Molto di più rispetto ai pensieri e alle emozioni! Tranne situazioni di perdita del controllo degli impulsi (il controllo degli impulsi è una delle facoltà o funzioni fondamentali della personalità sana) o situazioni in cui “dall’interno” sei “agito” dalle tue emozioni e dai tuoi pensieri inconsapevoli… tu puoi governare le tue azioni in base ai tuoi obiettivi e ai tuoi valori “liberamente” scelti che ti guidano in ciò che momento per momento fai nella direzione della vita che vuoi …

Cos’altro puoi controllare e non puoi controllare di te stesso?

Probabilmente pensieri, emozioni, azioni, bisogni, desideri e gli stessi valori sono, a seconda di contesti e situazioni, ambiti di vita e ruoli, più o meno “liberamente scelti” o “condizionati” dalla nostra storia di vita, dalla nostra personalità, da quello che nel tempo siamo diventati.

Il lavoro di esplorazione e crescita personale, a partire da uno stato di sofferenza o “semplicemente” dal desiderio di conoscere se stessi, permette di conoscersi “a fondo” per imparare sempre più a focalizzare l’attenzione su ciò che possiamo controllare e influenzare nella direzione della vita che vogliamo …

Quindi:

smetti di tentare di controllare l’incontrollabile e inizia ad agire su ciò che veramente puoi controllare della tua vita.

È il potere della consapevolezza del limite del proprio potere …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...