Il valore dell’abitudine

Tra le varie verità del piffero che un po’ tutti conosciamo, ce ne sono due particolarmente importanti in diversi ambiti della nostra vita. Nello specifico sono due modalità per regolare il nostro comportamento.

  1. Non devi scoraggiarti davanti alle prime difficoltà e nemmeno di fronte alle ultime.
  2. I risultati a breve termine sono spesso miraggi o illusioni, quelli a lungo termine determinano in maniera sostanziale la qualità della nostra vita.

Gli esempi più noti riguardano come gestisci alimentazione e attività fisica per creare la tua salute e il tuo benessere, la tua forma fisica e quella estetica; come gestisci il tempo e le tue energie psicofisiche per portare avanti i tuoi progetti lavorativi e affettivi. Lo stesso apprendimento di qualsiasi abilità (imparare l’inglese o a suonare la chitarra, saper cucinare o giocare a tennis) segue questi due principi. E anche nelle relazioni sono valide queste regole: creare una coppia stabile e felice, coltivare e mantenere buone amicizie, saper stare con gli altri e saper stare soli, richiedono coraggio dell’apertura intima oltre la paura di conoscere veramente se stessi e l’altro; determinazione e costanza invece che arrendersi alle prime difficoltà; flessibilità dei pensieri, delle azioni e del modo di comunicare piuttosto che rinchiudersi in se stessi nell’illusione della propria verità assoluta; visione a lungo termine piuttosto che ricerca della gratificazione immediata che come è venuta così veleocemente va via.
Certo è vero che per alcune cose siamo più portati naturalmente, per altre c’è bisogno di molta autodisciplina. Certo è vero che noi possiamo fare molto per orientare la nostra vita e la nostra felicità, ma alcune cose dipendono dagli altri o dal caso, che non sempre ci sono alleati o non sempre remano nella stessa nostra direzione. Certo è anche vero che molto è possibile, ma alcune cose sono impossibili, esistono dei limiti invalicabili che prima o poi incontriamo.
Tra limiti e possibilità diventa allora fondamentale seguire delle abitudini. Un’azione ripetuta più volte in maniera costante diventa un’abilità.

Diventare esperti di qualcosa che si è praticato molteplici volte, fino a radicarsi in noi come abitudine, favorisce la realizzazione di un “successo” in quello specifico ambito.

Sempre se ti dai il permesso di sbagliare e non pretendi di essere perfetto… Puoi imparare a cucinare senza dover diventare necessariamente masterchef. Quello già ce l’hai a casa, si chiama nonna. Di Jimi Hendrix ce n’è uno, ma milioni di persone suonano la chitarra. Puoi correre e camminare senza dover vincere la maratona. Quanti tennisti al mondo vincono il Grande Slam? La coppia felice è quella che quotidianamente sa praticare con coraggio e disciplina l’arte dell’incontro intimo basato sul cuore e sull’umiltà di mettersi in discussione.
Insomma… come si fa a impostare e consolidare un’abitudine?
Basta seguire i due principi di cui sopra… Senza troppe altre riflessioni. E darsi tempo… Il tempo che serve… In base al proprio specifico funzionamento individuale, diverso da quello di chiunque altro…

“Semina un pensiero
e raccoglierai un’azione;
semina un’azione
e raccoglierai un’abitudine;
semina un’abitudine
e raccoglierai un carattere;
semina un carattere
e raccoglierai un destino”

(Anonimo).

One thought on “Il valore dell’abitudine”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...