L’aiuto dello psicologo

Spesso le persone che arrivano dallo psicologo hanno l’idea che lo psicologo dia dei consigli ovvero fornisca indicazioni precise su quali siano le scelte migliori da fare, su come comportarsi in una certa situazione, su quale sia l’atteggiamento o comportamento giusto con l’amico piuttosto che col partner, su cosa sia meglio fare, cosa sia giusto fare, cosa sia buono fare, ecc. In realtà, generalmente, lo psicologo si pone in modo diverso rispetto a queste aspettative dei pazienti. In particolare:

  • è vero che lo psicologo gradualmente conosce la persona, ma è anche vero che la persona, per molti aspetti, resta la massima esperta di se stessa, ci sono delle cose che sono conosciute o sono conoscibili solamente dal “di dentro”. Ci sono informazioni che sfuggono, nessi che possono emergere e  “impliciti” che non sono facilmente identificabili e che, durante l’esplorazione in seduta, possono essere resi più chiari ed evidenti e con ciò favorire una scelta più consapevole da parte del paziente
  • ognuno è figlio della propria storia attraverso la quale ha imparato un certo modo di stare al mondo, sviluppato preferenze e gusti che vanno conosciuti, rispettati e utilizzati come riferimento per le proprie scelte; lo psicologo può avere dei valori di riferimento che possono essere anche molto diversi da quelli del paziente, per cui le scelte che farebbe una persona non sono le stesse che farebbe un’altra. Lo psicologo aiuta la persona a chiarire i suoi valori e i suoi bisogni e sulla base di questi a fare scelte più consapevoli, autonome, responsabili
  • ogni persona è diversa rispetto al tipo e al grado di disponibilità a pagare un certo prezzo per certe scelte; ogni persona è disposta a prendersi certi rischi piuttosto che altri; quello che potrebbe essere sano, buono e giusto per lo psicologo potrebbe non esserlo per il paziente
  • lo psicologo, più che dire cosa è giusto e cosa non lo è, aiuta il paziente ad immaginare e a riflettere intorno ad alcune domande: “se facessi questo che cosa otterrei?” “E se facessi questo lo farei per ottenere cosa?” “Che cosa immagino possa succedere se facessi questa azione piuttosto che quest’altra?” “Che cosa desidererei accadesse?” “Qual è l’effetto che vado a cercare?” e così via. Domande di questo tipo aiutano il paziente a riflettere sul senso e sul valore di fare una scelta piuttosto che un’altra…
  • è importante aiutare il paziente a decidere da solo perché il paziente possa sentire di avere la giusta dose di autonomia e di responsabilità, la capacità di prendere delle decisioni sapendo che comunque ogni decisione è imperfetta, ogni decisione ha un prezzo da pagare, nessuno ha la palla per prevedere il futuro e, comunque, le variabili in gioco potrebbero essere molte perché quello che potrebbe succedere può dipendere dalla scelta della persona, ma può dipendere anche dalla reazione dell’interlocutore, può dipendere dal tipo di situazione, dal tipo di contesto, eccetera.

All’inizio, la persona che arriva a chiedere aiuto può aver un bisogno più o meno grande di essere guidata e accompagnata; gradualmente viene aiutata a prendersi carico di sé in maniera sempre più autonoma e responsabile, quindi anche a scegliere assumendosi pienamente la responsabilità delle conseguenze delle proprie azioni.
Quando il paziente capisce il valore di queste considerazioni rispetto al fare delle scelte, smette di chiedere consigli e diventa consigliere di se stesso. Maggiormente centrato su se stesso: cosa provo in questa situazione? Cosa penso? Di cosa ho bisogno? Cosa mi piacerebbe? Cosa sarebbe meglio fare? Meglio rispetto a quali bisogni, desideri e obiettivi? Quale conflitto sto vivendo tra diversi miei bisogni tra loro inconciliabili? Quale prezzo pago facendo questa scelta? A cosa devo rinunciare per ottenere quello che voglio? Cosa devo fare? Quando? Quale il primo passo necessario?

Una volta che la persona ha deciso ovvero ha fatto un primo passo, la realtà offrirà delle risposte utili ad aggiustare il tiro...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...