Come nascono i sensi di colpa

Il senso di colpa è un sentimento che si prova quando si crede di aver danneggiato o fatto soffrire qualcuno. Ha origine tipicamente nell’infanzia, nel rapporto coi propri genitori e familiari, influenzato dalle caratteristiche peculiari del funzionamento psichico infantile:

  • egocentrico (secondo il bambino tutto ciò che accade dipende da lui)
  • magico (le relazioni causa-effetto non sono razionali)
  • onnipotente (crede che quello che pensa, che prova e che fa abbia il potere di influenzare le cose che accadono e anche il comportamento dei grandi)
  • iper-generalizzante (estende il particolare al generale)
  • parziale (non ha il senso della complessità delle cose).

Soprattutto, i bambini tendono a idealizzare i genitori, vissuti come figure di autorità portatrici della verità sul mondo: ciò che è vero e ciò che è falso, bello e brutto, giusto e sbagliato, permesso e vietato. I genitori sono la lente attraverso cui i bambini imparano a guardare il mondo, la vita, le cose, se stessi, gli altri.

Per queste modalità tipiche del suo funzionamento mentale, per la mancanza di esperienza, per la sua sensibilità al comportamenti dei genitori, la vita psicologica del bambino ruota intorno alle relazioni che vive e osserva intorno a lui. Purtroppo ciò diventa anche il terreno fertile per la nascita dei sensi di colpa e di visioni della realtà distorte. Ad esempio, se, alle legittime richieste di attenzione del bambino, la madre reagisce irritata, fredda, indispettita o con espressioni che lasciano trapelare un vissuto di pesantezza o peggio indifferenza, il bambino potrà cominciare a credere che i suoi desideri di giocare con la madre causino in lei rabbia e tristezza e, amandola e volendola proteggere, perché questo fanno i bambini verso i genoitori, “decide” di inibire la sua vitalità, il suo desiderio giocoso. Inoltre, potrebbe cominciare a credere di essere la causa della sofferenza della madre e sviluppare un senso di colpa.

I bambini imparano a sentirsi in colpa per qualsiasi proprio stato d’animo e comportamento se hanno l’impressione o viene detto loro che esso suscita dolore o disapprovazione nei genitori o mette in pericolo il rapporto con loro.

In terapia, si lavora con l’obiettivo di una visione più matura e realistica delle cose in grado di scardinare vissuti di colpa di origine antica che continuano ancora oggi ad attivarsi nell’adulto fino a governare il suo comportamento e le sue relazioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...