Perfezionismo vs eccellenza 

Il perfezionismo è quel funzionamento mentale per cui la persona lega, in maniera rigida, la sua autostima al raggiungimento di standard personali elevatissimi. 
Parlando di perfezionismo ci possiamo riferire a:

Un tipo di persona. Una persona può essere perfezionista come stile di personalità e quindi in tutte o molteplici aree di vita o ruoli che svolge: con se stesso e/o con gli altri, nelle attività e nelle relazioni, nella coppia e sul lavoro, coi figli e con gli amici, rispetto a canoni estetici o morali, nella cura dell’aspetto fisico come nell’alimentazione, ecc..

Una dimensione psicologica diversamente presente in tutte le persone. Ciascuno di noi, pur non essendo perfezionista su tutta la linea, ha delle aree in cui funziona in modo perfezionistico.
Nonostante il prezzo da pagare sia elevatissimo, il perfezionista non riesce a fare diversamente dal “tentare di essere perfetto”.

In maniera per lo più inconsapevole, il perfezionista ha bisogno di:

• sentirsi interiormente “a posto”, sentirsi pulito, corretto, ineccepibile, irreprensibile, senza macchia, ecc.

• avere un’immagine sociale competitiva, vincente, ecc..
In entrambi i casi il problema del perfezionista è che nemmeno lui ha chiari quali sono i criteri che deve soddisfare per “sentirsi a posto”, dentro e fuori, con se stesso e davanti agli altri. Chi stabilisce le regole di un compito, un’attività o un ruolo svolti in maniera perfetta? A volte può essere semplice, altre volte i confini della “cosa perfetta” sono sfumati e non noti alla persona… che comunque resta insoddisfatta della sua prestazione o critica nei confronti del comportamento altrui, si tratti di un collega o del partner, di un figlio o di altri.

Infatti, il perfezionista non sa distinguere tra:

sana ricerca di eccellere per migliorarsi continuamente, spesso associata ad una qualità di vita piena di benessere, soddisfazione e autostima

ricerca spasmodica di essere perfetti, ma non arrivare mai, con i conseguenti sentimenti di frustrazione, autosvalutazione o critica spietata agli altri.
La sana, ambiziosa ricerca di eccellere richiede a volte di fare i conti con un’inadeguatezza oggettiva (“non riuscire”) rispetto ad uno standard definito con cui confrontarsi per migliorare (“riuscire”). Cosa devo fare per migliorare e raggiungere il mio obiettivo?

L’insano perfezionista si trova sempre di fronte un senso di inadeguatezza soggettivo rispetto ad ideali impossibili per cui “si sarebbe potuto e dovuto fare di più”.
La salutare ricerca di eccellere spinge le persone a provare entusiasmo e piacere nel cercare di raggiungere obiettivi e standard e a non considerare gli errori come l’evidenza di un difetto personale, ma come un momento passeggero, una lezione necessaria da cui imparare, ripartire, migliorare.

Il perfezionista patologico non si sente mai veramente soddisfatto, anche quando ha raggiunto i suoi obiettivi al limite dell’impossibile, non riesce a godere del risultato e sposta immediatamente avanti la misura della sua soddisfazione… che però non arriva mai.
Chi mira all’eccellenza in modo realistico sa chiedere a se stesso il massimo e anche di più e, al tempo stesso, sa riconoscere il limite, lo rispetta e lo onora quando vive momenti di impotenza, frustrazione, incapacità sapendo che fanno parte del gioco. Crede che non esistono fallimenti, ma esistono solo aspettative da ridimensionare e risultati intermedi da apprezzare e valutare rispetto al passo successivo.

Chi vive ogni cosa in maniera perfezionistica si chiede missioni impossibili, chiede a se stesso di essere onnipotente e quindi prima o poi si scontra con delusioni atroci e senso di fallimento personale. Crede che il fallimento sia la morte, la sua morte di essere indegno … con i connessi vissuti di angoscia e depressione.

4 pensieri riguardo “Perfezionismo vs eccellenza ”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...